• Home
  • Notizie
  • Sospensione dei versamenti di contributi previdenziali, ritenute e Iva di dicembre 2020

Sospensione dei versamenti di contributi previdenziali, ritenute e Iva di dicembre 2020

Come noto, è stata modificata e riprogrammata  la mappa delle scadenze di versamento per quanto concerne alcuni adempimenti del mese di dicembre nonché relativamente agli acconti di imposta per il periodo 2020. Norme di riferimento - quella prevista dall’articolo 98 del DL n. 104 del 2020 - quella prevista dall’articolo 6 del DL n. 149 del 2020 (c.d. ristori bis).

  • Titolari di partita IVA (imprese e lavoratori autonomi) soggetti e non soggetti ad ISA per superamento del limite di ricavi e compensi previsto da ogni singolo indice dal decreto di approvazione. Acconti di imposta, 10 dicembre . Questa è la regola generale nel momento in cui non dovessero operare le condizioni di seguito descritte:
  • Imprese e lavoratori autonomi soggetti ad ISA (comprese le ipotesi di esclusione o di inapplicabilità nonché nell’ipotesi di applicazione di regimi forfetari) Acconti di imposta 30 aprile 2021 .Condizione necessaria per ottenere lo spostamento del termine è l’avvenuta diminuzione del fatturato di almeno il 33% nel confronto tra il primo semestre 2020 ed il primo semestre del 2019. Il principio si applica in virtù delle disposizioni di cui all’articolo 98 del dl n. 104 del 2020;
  • Imprese e lavoratori autonomi soggetti ISA in zone rosse con codici ATECO compresi negli allegati 1 e 2 del Dl n. 149/2020 Acconti di imposta 30 aprile 2021. In questo caso è irrilevante la verifica del calo di fatturato. La fattispecie è regolata dall’articolo 6 del dl n. 149 del 2020, ovvero di gestione di ristoranti in zona arancione.
  • Soggetti titolari di redditi di impresa o di lavoro autonomo con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente all’entrata in vigore del dl ristori quater Acconti di imposta 30 aprile 2021 Condizione di verifica del diminuzione di fatturato di almeno il 33% tra il primo semestre del 2020 ed il primo semestre del 2019.
  • Soggetti titolari di redditi di impresa o di lavoro autonomo che svolgono una attività economica compresa nei codici ATECO di cui agli allegati 1 e 2 del dl n. 149 del 2020 ovvero per la gestione di ristoranti in zona arancione alla data del 26.11.2020.
  • La scadenza degli acconti dovuti nel mese di novembre 2020 ai fini delle imposte sui redditi e dell’IRAP slittano per le seguenti casistiche al 30.04.2021, ovvero:
  • Esercenti attività di impresa e lavoro autonomo con ISA e calo di fatturato (I° semestre 2020 – I° semestre 2019) di almeno il 33% (art, 98 dl 104/2020);
  • X Esercenti attività di impresa e di lavoro autonomo sopra euro 5.164.659 (limite ISA) ma non superiori a 50 milioni di euro;
  • Esercenti attività di impresa e di lavoro autonomo con ISA approvati, indipendentemente dal calo di fatturato, qualora inclusi nell’allegato 1 o 2 dei decreti ristori e ristori-bis e localizzati in zona rossa, oltre ai soggetti esercenti gestione di servizi per la ristorazione localizzati in zona arancio (art. 6 Dl n. 149/2020):
  • X Esercenti attività di impresa e lavoro autonomo che al 26 novembre erano in zona rossa e con codice ATECO in allegato 1 o 2 dei decreti ristori e ristori-bis (non devono verificare limite ricavi e compensi né devono verificare il calo di fatturato) (art. 1, comma 4 Dl n. 157/2020);
  • X Esercenti servizi di ristorazione che al 26 novembre erano in zona arancio (non devono verificare né limiti ricavi e compensi né devono verificare il calo di fatturato) (art.1 , comma 4, Dl n. 157/2020).
  • I versamenti del mese di novembre L’articolo 7 del DL n. 149 del 2020 ha disposto una ulteriore sospensione dei versamenti in scadenza nel mese di novembre con riferimento a:
  • Ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente • Addizionali IRPEF trattenute dai sostituti di imposta • IVA.

Soggetti coinvolti:

  • Soggetti che esercitano le attività sospese ai sensi dell’articolo 1 del DPCM del 3.11.2020 e che hanno domicilio fiscale, sede legale o sede operativa in Italia;
  • Soggetti che esercitano l’attività dei servizi di ristorazione che svolgono attività nelle aree considerate zone rosse od arancione sulla base delle Ordinanze del Ministro della Salute adottate ai sensi degli articoli 2 e 3 del DPCM del 3.11.2020.
  • Soggetti che operano in settori di attività identificati dai codici ATECO compresi nell’allegato 2 al DL n. 149 del 2020 ovvero che svolgono l’attività alberghiera, di agenzia di viaggio o di tour operator nelle zone rosse
  • Il termine per effettuare i versamenti sospesi è 16 marzo 2021 con pagamento in unica soluzione o • Rateazione in massimo di quattro rate mensili a partire dal 16 marzo 2021.
  • Sono sospesi i versamenti anche per chi ha aperto l'attività dopo il 30 novembre 2019.